lunedì 27 maggio 2013

26 maggio: instabilità post fronte

Uno non si può rilassare un attimo che... piove!!!

Residua instabilità ha coinvolto il nostro territorio nel pomeriggio di domenica 26 maggio.
Un temporale nato sulle prealpi verso metà pomeriggio, è sceso in pianura fino all'altezza di Portogruaro creando delle strutture nuvolose interessanti.


Inizialmente il temporale era fornito di una discreta shelf cloud. Ma cos'è una shelf cloud
La shelf cloud è conosciuta come anche con il nome di nube a mensola ed è bassa, lunga, a volte arcuata per via della spinta originata dal downdraft, orizzontale e individuabile mediante il classico "cuneo". 
La shelf cloud spesso è presente nella supercella: si presenta sul bordo avanzante del temporale e precede di pochissimo l'area dei rovesci di pioggia o grandine. Si forma quando il gust front solleva l'aria caldo umida davanti ad esso fino al suo livello di condensazione formando questa "mensola nuvolosa".

26 maggio 2013

26 maggio 2013

26 maggio 2013


Il temporale poi si era spompato per qualche decina di minuti perdendo forza ma, improvvisamente, quasi sullo stesso posto ha ripreso nuova vita andando ad acquisire anche una discreta rotazione nei bassi livelli e producendo grandine della dimensione massima di una noce.

Lo dimostra anche il radiosondaggio delle 12utc. Si nota come nei bassi strati dell'atmosfera i venti tendono a ruotare in senso orario



26 maggio 2013

26 maggio 2013

Di seguito un video della caccia al temporale. Verso la fine si può vedere come ci sia una rotazione e come per qualche istante ci sia la presenza di una piccolo funnel.



Giorgio




7 commenti:

  1. Ciao Paolo. Mi piace leggere i tuoi post su MeteoNetwork, perché lì dentro ci sono poche persone che scrivono del Veneto Orientale. Io avrei una posizione privilegiata, quella di Bibione, ma non avendo una stazione meteo non posso entrare nel Forum. La passione comunque c'è, e da bagnino ti assicuro che ho visto cose.... E' da qualche anno che quindi leggo di diverse previsioni, ultimo MeteoGiuliacci (che puoi anche deridere, ma...), e negli ultimi giorni ho tentato di aprire un blog pure io, ma mi sono bloccato subito. Il mio intento (già sperimentato in passato) era dare un punteggio alle diverse previsioni, da qui a domani, tre giorni e una settimana, dei siti principali. Purtroppo mi sono arenato, perché copiare l'html in un foglio elettronico è semplice, ma poi...ho tentato col testo, ma mi arenavo nei diversi formati dei siti. Bloccato. Ho cercato quindi un fantomatico aggregatore di previsioni, ma sono rimasto deluso (finalmente?) da Google. Io vi lancio quindi l'idea, anzi, le idee: un confronto tra previsioni e realtà e un aggregatore, da Ilmeteo.it in sù. Ce n'è bisogno, e verrebbe fuori un bel giochino da fare almeno per un'estate. Avevo forse dei colleghi che potevano aiutarmi, ma l'impresa è grande, immensa, e da solo è ingestibile, specie senza mezzi superiori al foglio elettronico, senza contare che dovrei starmene almeno ogni ora a guardare il cielo...senza pensare al lavoro. E' una scommessa, è fin troppo facile fare nowcasting!!!

    RispondiElimina
  2. ??
    Perdonami ma non ho capito.


    Giorgio

    RispondiElimina
  3. Ok, Paolo, provo ad esesere più sintetico. Voi del Forum avete la possibilità sia di confrontare le previsioni di tutti i siti internet con la realtà oggettiva, magari di una data zona, magari dando loro un voto in base al lasso temporale, sia di aggregarle in un portale, dato che nessuno c'ha ancora pensato. E' una bella sfida o no?

    RispondiElimina
  4. Ops, mi è sfuggito un Paolo....

    RispondiElimina
  5. Sinceramente trovo poco utile, a mio parere, ciò che dici e proponi. Esiste l'ARPAV che da le previsioni per il territorio Veneto con bollettini specifici per montagna, pianura e costa.
    In Friuli c'è l'OSMER.
    Loro devono essere i riferimenti per le previsioni del nostro territorio.

    Se la gente preferisce i vari portali internet sono affari loro, a me non urta l'anima. I mezzi per trovare le giuste informazioni ci sono. E' solo una questione di scelta personale.
    Se sono intelligenti, un giorno si renderanno conto che dire che alle ore tot inizierà a piovere è un'autentica troiata ...meteorologicamente parlando ovviamente.

    Saluti.
    Giorgio

    RispondiElimina
  6. Vabbè, siamo tra Veneto e Friuli, ok, e mi pare di aver letto un tuo commento che parlava di un modello in particolare, e forse basta risalire a quelli, ma nessuno ha mai pensato ad un portalone, ad un aggregatore di previsioni. Già così ti fai un'opinione, oppure trovi una bella linea di tendenza (che da me chiamano "media"...vabbè). Se avessi qualcun'altro appassionato come me, che lavora in spiaggia, potevo anche avviarlo, e mi sarei fermato ad una visita giornaliera ai diversi siti, alla stessa ora, ed avrei raccolto le previsioni, (un giorno, tre giorni, una settimana), e le avrei confrontate con la mia realtà. A parte la grandissima scelta, ma quante previsioni ci sarebbero? E come fai a gestirle, quando un Copia-Incolla manda quasi in panne il mio glorioso pc???
    Avrai sentito parlare delle stazioni meteo da mettere in tutto il litorale (qui a Bibione ce n'è una dell'Arpav, ma nessuno che si collega a MeteoNetwork), o di Zaia, ma bastava il mio lavoretto, e almeno per questa stagione avrei dato il mio contributo extra.
    Ora sto seguendo il forum per i nuvoloni che sono arrivati fin qua. Ieri c'era di che preoccuparsi, ma quanto? E come? Ormai chi fa previsioni in spiaggia viene preso per pazzo (come per il mio intento) oppure viene deriso il giorno dopo. E' un peccato, perché con Internet hai tutto il possibile (glielo diciamo che c'è un bel radarone sopra di noi, anche se ogni tanto va in blackout???), e se ne capissi qualcosa questo (o l'altro?) blog, con tutte quelle info, sarebbe utilissimo. L'app de Ilmeteo.it ha messo da qualche ora un bel temporale, tanto per gradire la tempestività, ma leggendo in giro, Meteogiornale ad esempio, già sapevo che ci potevano essere delle robe del genere.

    Ciao Giorgio.

    RispondiElimina